Sono 10 gli INFERMIERI che l’Azienda socio-sanitaria di San Donà di Piave cerca attraverso un concorso per partecipare al quale c’è tempo fino al prossimo 29 dicembre. Il numero dei candidati, come sempre accade per questa qualifica professionale, sarà quasi certamente piuttosto elevato tanto che è prevista un’eventuale preselezione.

L’assunzione è a tempo indeterminato. Tra i requisiti: laurea specifica, iscrizione all’Albo, idoneità fisica all’incarico, fedina penale pulita, diritti civili e politici in regola.

Il testo integrale del bando è sul sito: http://www.ulss10.veneto.it/concorsi/pubblici. Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere all’Unità operativa risorse umane dell’Aulss, tel. 0421.228281-228284-228282.

Pubblicato in News
Martedì, 29 Novembre 2016 18:17

GAZZETTA N. 94: TIROCINI PER DISABILI ALL'ISFOL

L'Istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori (ISFOL) ha attivato 2 tirocini formativi riservati ai disabili (per collaboratore tecnico e amministrativo) finalizzati all'assunzione a tempo indeterminato.

Il bando in versione integrale ed il modulo di domanda di partecipazione alla selezione sono pubblicati nell'apposita sezione del sito internet http://www.isfol.it

Per scoprire e leggere integralmente tutti gli altri concorsi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 94 del 29 novembre clicca qui.

Pubblicato in News

I comuni assumono (molti a tempo indeterminato). I bandi riguardano: agenti di Polizia locale (50 solo a Ischia), istruttori amministrativi, contabili, direttivi e di vigilanza, collaboratori, funzionari, geometri, opportunità per le categorie protette... Per consultare integralmente tutti i bandi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 93 del 25 novembre clicca qui.

Pubblicato in News

Si riapre oggi una stagione di nuove assunzioni al Ministero della Giustizia. Viene infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 92 del 22 novembre 2016 il bando di concorso per 800 posti di Assistente giudiziario, Area funzionale seconda, fascia economica F2, nei ruoli del personale del Ministero della giustizia – Amministrazione giudiziaria.
Il bando è il primo atto del programma di nuove assunzioni previsto dalla legge 161/2016 e segue il decreto firmato lo scorso 20 ottobre dal Ministro Orlando, di concerto con il Ministro Madia, nel quale sono stati indicati i criteri e le priorità per tali assunzioni.
Nei prossimi giorni sarà dato avvio anche alle assunzioni delle altre 200 unità di personale (115 posti di Assistente giudiziario, 55 di Funzionario informatico e 30 di Funzionario contabile), che completano l’avvio entro l’anno delle procedure per l’ingresso di 1.000 nuove risorse di personale per gli uffici giudiziari.

Per l'ammissione al concorso è richiesto:
1) diploma di istruzione secondaria di secondo grado quinquennale o altro diploma dichiarato equipollente o equivalente dalle competenti autorità, oppure titolo di studio superiore, riconosciuto ai sensi della normativa vigente;
2) età non inferiore a diciotto anni;
3) cittadinanza italiana;
4) godimento dei diritti civili e politici;
5) idoneità fisica all'impiego, da intendersi per i soggetti con disabilità come idoneità allo svolgimento delle mansioni di assistente giudiziario di cui al vigente ordinamento professionale;

6) qualità morali e di condotta di cui all'art. 35 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.

Non possono partecipare al concorso coloro che siano stati destituiti o licenziati a seguito di procedimento disciplinare, o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero coloro che siano stati dichiarati decaduti da un impiego pubblico per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi, o interdetti dai pubblici uffici per effetto di sentenza passata in giudicato.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere redatta ed inviata esclusivamente con modalità telematiche entro il 22 dicembre, compilando l'apposito modulo (FORM) presente sul sito del Ministero della Giustizia.

Per leggere integralmente tutti i bandi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 92 del 22 novembre clicca qui.

Per consultare le ultime edizioni della Gazzetta Ufficiale clicca qui.

Pubblicato in News

Il ministero della Giustizia ha indetto un concorso per 360 posti di magistrato ordinario. Per l’invio della domanda c’è tempo fino al prossimo 15 dicembre. La domanda va inoltrata esclusivamente per via telematica attraverso il sito https://www.giustizia.it/giustizia/, sezioni Strumenti/Concorsi, Esami, Assunzioni. Nello stesso sito è possibile leggere il testo integrale del bando.

I REQUISI NECESSARI

Possono partecipare sia coloro che sono già alle dipendenze dello Stato (vari ruoli e funzioni) sia laureati in giurisprudenza. Questo il dettaglio:

1) magistrati amministrativi e contabili;

2) procuratori dello Stato che non siano incorsi in sanzioni disciplinari;

3) dipendenti dello Stato, con qualifica dirigenziale o appartenenti ad una delle posizioni corrispondenti all'area  C,  già prevista dal  contratto collettivo nazionale di lavoro,  comparto Ministeri, con almeno cinque anni di anzianità nella qualifica, che hanno costituito il rapporto di lavoro a seguito di concorso per il quale era richiesto il possesso del diploma di   laurea in giurisprudenza conseguito, salvo che non si tratti di seconda laurea, al termine di un  corso universitario di durata non inferiore a quattro anni e che non siano incorsi in sanzioni disciplinari;

4) appartenenti al personale universitario di ruolo docente di materie giuridiche in possesso  del diploma di laurea in giurisprudenza che non sono incorsi in sanzioni disciplinari;

5) dipendenti, con qualifica dirigenziale o appartenenti alla ex area direttiva, della pubblica amministrazione, degli enti pubblici a  carattere nazionale e degli enti locali, che hanno

costituito il rapporto di lavoro a seguito di concorso per il  quale era richiesto il possesso del diploma di laurea in giurisprudenza conseguito, salvo che non si tratti di seconda laurea, al termine di un corso universitario di durata non inferiore a quattro anni, con almeno cinque anni di anzianità nella qualifica o, comunque, nelle predette carriere e che non siano incorsi in sanzioni disciplinari;

6) abilitati all'esercizio della professione forense e, se iscritti all'albo degli   avvocati, non incorsi in sanzioni disciplinari;

7) coloro i quali hanno svolto le funzioni di magistrato onorario (giudice di pace, giudice onorario di tribunale, viceprocuratore onorario, giudice onorario aggregato) per almeno sei anni senza demerito, senza essere stati revocati e che non siano incorsi in sanzioni disciplinari;

8) laureati in possesso del diploma di laurea in giurisprudenza conseguito, salvo che non si tratti di seconda laurea, al termine di un corso universitario di durata non inferiore a quattro anni e del diploma conseguito presso le scuole di specializzazione per le professioni legali previste dall'art. 16 del decreto legislativo 17 novembre 1997, n. 398, e successive modifiche;

9) laureati che hanno conseguito la laurea in giurisprudenza, al termine di un corso universitario di durata non inferiore a quattro anni, salvo che non si tratti di seconda laurea, ed hanno conseguito il dottorato di ricerca in materie giuridiche;

10) laureati che hanno conseguito la laurea in giurisprudenza a seguito di un corso universitario di durata non inferiore a quattro anni, salvo che non si tratti di seconda laurea, ed hanno conseguito il diploma di specializzazione in una disciplina giuridica, al termine di un corso di studi della durata non inferiore a due anni presso le scuole di specializzazione di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 marzo 1982, n. 162;

11) laureati che hanno conseguito la laurea in giurisprudenza a seguito di un corso universitario di durata almeno quadriennale e che hanno concluso positivamente lo stage presso gli uffici giudiziari o hanno svolto il tirocinio professionale per diciotto mesi presso l'Avvocatura dello Stato, ai sensi dell'art. 73 del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69, nel testo vigente a seguito dell'entrata in vigore del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito con legge 11 agosto 2014, n. 114.

UNA PROVA SCRITTA E UNA ORALE

L’esame consiste in una prova scritta (diritto civile, diritto penale, diritto amministrativo) e in una prova orale (diritto civile ed elementi fondamentali di diritto romano, procedura civile, diritto penale, diritto amministrativo, costituzionale e tributario, diritto commerciale e fallimentare, diritto del lavoro e della previdenza sociale, diritto comunitario, diritto internazionale pubblico e privato, elementi di informatica giuridica e di ordinamento giudiziario). È previsto anche un colloquio su una lingua straniera scelta tra inglese, francese, spagnolo o tedesco.

Pubblicato in News

Sono all’insegna dei concorsi le settimane con le quali si conclude il 2016: un colpo d’ala in parte atteso ma certamente non delle proporzioni che si stanno concretizzando. Perché i posti pubblici sono già 3.396 e altri si annunciano con l’inizio del prossimo anno. A queste iniziative è dedicato l’ampio “primo piano” della rivista dove si possono trovare tutte le indicazioni utili da seguire per farsi avanti.

I bandi cominciano con i 250 VIGILI DEL FUOCO destinati a rinforzare gli organici sottodimensionati del Corpo. Per partecipare occorre avere fino a 30 anni e come titolo di studio è sufficiente la licenza media. La domanda va inviata entro il 15 dicembre.

A breve ecco il concorso del ministero della Giustizia per 800 CANCELLIERI e quello già in atto per 800 VOLONTARI VFP1 nell’Aeronautica Militare. Attivo è anche il bando per 546 ALLIEVI MARESCIALLI che servono ai Carabinieri mentre stanno per uscire le chiamate per 400 (e forse più) AGENTI PER LA POLIZIA DI STATO e 600 per la POLIZIA PENITENZIARIA.

Ma di possibilità di lavoro, oltre ai concorsi, ce ne sono molte altre. Per esempio, il Credito Emiliano (Credem), nell’ambito del ricambio generazionale programmato dagli istituti di credito, è alla ricerca di 120 NEODIPLOMATI E NEODILOMATI da avviare alla carriera interna. Se vuoi sapere quali sono i ruoli di cui c’è bisogno leggi l’articolo pubblicato nella rivista. Contratto iniziale di 18-24 mesi e poi stabilizzazione a tempo indeterminato. Le sedi di lavoro si trovano nelle principali città di 19 regioni. I dipendenti sono 5.600.

Se ne è parlato per un po’ ma poi l’argomento è uscito da radar. Eppure da pochi giorni, dallo scorso 3 novembre, i giovani fino a 18 anni possono utilizzare il BONUS CULTURA da 500 euro con il quale acquistare libri, biglietti per il cinema, concerti, mostre, teatri e quant’altro.

Per richiederlo c’è tempo fino al prossimo 31 gennaio mentre per spenderlo la scadenza  è il 31 dicembre 2017. Scopri le modalità per entrarne in possesso: il percorso burocratico richiede un minimo di attenzione.

C’è, inoltre, il problema della FORMAZIONE. Ed è un problema imporante. Conoscere bene un mestiere o una professione è ormai la strada maestra per il lavoro. Nelle pagine di questo numero ci sono le opportunità proposte da alcune scuole private oppure promosse sotto l’egida della Regione Lazio. Queste ultime riguardano 251 allievi per diverse specializzazioni. I corsi sono in partenza. Per le iscrizioni occorre muoversi con una certa sollecitudine.

Di rilievo l’intervista che l’economista e accademica FIORELLA KOSTORIS, docente in più atenei (la Sapienza, Luiss, Università di Trieste) e con incarichi di consulenza sia in ambito finanziario che di policy making presso istituzioni italiane e internazionali, ha rilasciato a “Lavoro Facile” sul tema dell’OCCUPAZIONE FEMMINILE che nel nostro Paese è decisamente inferiore a quella degli uomini. Anche nelle retribuzioni c’è differenza: a parità di professione le buste paga non sono uguali. “Per questo – dice Fiorella Kostoris – la dignità delle donne passa attraverso il lavoro. Così invece non è. E di strada ce n’è ancora molta da fare”.

Nelle quattro pagine di “Lavori in corso” le chance riguardano: 63 nella RISTORAZIONE tra camerierei, cuochi e griglisti, 40 commesse per KIKO, 40 conducenti, ingegneri e macchinisti per ATM, 28 cassiere, banconisti e responsabili in CONAD, 23 tecnici da MAPEI. E poi: ingegneri per FERRARI, tecnici (tirocinio) in FCA-FIAT, addetti nel fast fashion del GRUPPO TEDDY, neolaureati per JOHNSON & JOHNSON, stagisti in AEROPORTI DI ROMA.

Nei piccoli annunci, che si riferiscono alle necessità di personale delle piccole e medie imprese di tutto il Lazio (Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo), i posti in ballo sono 284 tra ADDETTI ALLA RISTORAZIONE, BARISTI, COMMESSI, IMPIEGATI, INGEGNERI, MANUTENTORI e TECNICI. A Rieti, tra l’altro, un’importante azienda del settore della logistica cerca 25 MAGAZZINIERI per la ricezione, stoccaggio, prelievo e confezionamento della merce.

Nello spazio riservato ai concorsi le opportunità riguardano chi è interessato a indossare una divisa: i posti sono 1.366 (volontari Aeronautica Militare, allievi marescialli CARABINIERI e tenenti GUARDIA DI FINANZA).

Come sempre, poi, ecco le opportunità provenienti dal mondo dello spettacolo. Nelle pagine del TROVASET, infatti, si possono trovare tutti i casting in corso che riguardano CINEMA, FICTION, TEATRO, TELEVISIONE E MUSICA promossi da noti registi e dalle emittenti nazionali più conosciute, comprese RAI e MEDIASET.

Per leggere gratuitamente online il numero 18 delle rivista LAVORO FACILE clicca qui.

Pubblicato in News

È ufficiale: i VIGILI DEL FUOCO avranno 250 unità in più per rafforzare gli organici da tempo sottodimensionati. Il concorso, come annunciato, è stato pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale” numero 90 (per leggere integralmente tutti i bandi clicca qui) per ed è quindi operativo. Per l’invio delle domande c’è tempo fino al prossimo 15 dicembre.

Nel bando sono previste riserve di posti in favore dei volontari in ferma prefissata delle Forze Armate, dei volontari degli stessi Vigili del Fuoco e di chi ha già svolto servizio civile nelle attività istituzionali del Corpo per almeno 12 mesi.

Tutti i particolari si possono leggere cliccando qui. All’iniziativa “Lavoro Facile” dedica un ampio speciale, che si può sfogliare gratuitamente, nel numero in uscita venerdì 18 novembre. Con il concorso relativo ai Vigili del Fuoco ci sono indicazioni anche sui bandi che si riferiscono ai CANCELLIERI per il ministero della Giustizia, alla POLIZIA DI STATO E PENITENZIARIA, agli ALLIEVI MARESCIALLI DEI CARABINIERI e ai VOLONTARI VFP1 PER L’AERONAUTICA MILITARE.

Pubblicato in News

È indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per l'ammissione al 7° corso triennale (2017-2020) di 546 Allievi Marescialli del ruolo ispettori dell'Arma dei Carabinieri.

Dei 546 posti messi a concorso: a) 112 sono riservati: al coniuge e ai figli superstiti, ovvero ai parenti in linea collaterale di secondo grado se unici superstiti, del personale delle Forze armate, compresa l'Arma dei carabinieri, e delle Forze di Polizia deceduto in servizio e per causa di servizio; ai diplomati delle Scuole militari dell'Esercito, della Marina e dell'Aeronautica; agli assistiti dall'Opera nazionale di assistenza per gli orfani dei militari di carriera dell'Esercito italiano, dall'Istituto «Andrea Doria» per l'assistenza dei familiari e degli orfani del personale della Marina militare, dall'Opera nazionale per i figli degli aviatori e dall'Opera nazionale di assistenza per gli orfani dei militari dell'Arma dei carabinieri, in possesso dei prescritti requisiti; b) 5 sono riservati ai candidati orfani o coniugi di deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio ovvero di grandi invalidi di cui all'art. 18 della legge 12 marzo 1999, n. 68.

La domanda di partecipazione al concorso dovrà essere compilata e inviata esclusivamente on-line seguendo la procedura indicata nel sito: http://www.carabinieri.it/cittadino/informazioni/concorsi entro il 9 dicembre.

Per conoscere i requisiti e leggere tutti i bandi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 dell'8 novembre clicca qui.

 

Pubblicato in News

Per il 2017 è indetto un bando di reclutamento nell'Aeronautica militare di 800 VFP 1, in un unico blocco, con due distinti incorporamenti, così suddivisi: 1° incorporamento, previsto nel mese di maggio 2017, per i primi 400 candidati idonei utilmente classificati nella graduatoria di merito; 2° incorporamento, previsto nel mese di settembre 2017, per i secondi 400 candidati idonei utilmente classificati nella graduatoria di merito. La domanda di partecipazione puo' essere presentata dal 7 novembre 2016 al 6 dicembre 2016, per i nati dal 6 dicembre 1991 al 6 dicembre 1998, estremi compresi. Per scoprire tutti gli altri concorsi pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 87 del 4 novembre clicca qui.

Pubblicato in News

Uscirà il 15 novembre il bando per 250 vigili del fuoco indetto dal ministero dell’Interno. L’obiettivo è di rafforzare l’organico che, soprattutto in situazioni di emergenza (come, per esempio, i terremoti che hanno colpito le zone del Centro Italia) è chiamato a carichi di lavoro che richiederebbero personale ben più numeroso. Adesso, comunque, si corre parzialmente ai ripari.

Possono partecipare al concorso i cittadini italiani di età non superiore ai 30 anni (37 per gli iscritti da almeno 1 anno negli elenchi dei volontari), che abbiano terminato la scuola dell’obbligo e che non abbiano pendenze a carico (in sostanza, la fedina penale deve essere pulita).

Attenzione, però, perché sono previste delle riserve, nel senso che i posti dovrebbero essere così ripartiti: il 45% (quindi circa 112/113) è riservato ai volontari in ferma breve o in ferma prefissata delle Forze Armate (Vfp1 o Vfp4); il 25% (quindi circa 62/63) è riservato al personale volontario del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco che, alla data del bando, risulti iscritto negli appositi elenchi da almeno 3 anni ed abbia effettuato non meno 120 giorni di servizio; il 20% (quindi circa 50) è riservato a chi ha prestato servizio civile, per non meno di 1 anno, nello stesso Corpo.

In sostanza, la quota di posti non coperti da riserva, cioè quella aperta a tutti, dovrebbe attestarsi al10% (circa 25). Ma per conoscere con precisione la ripartizione occorre attendere la pubblicazione del bando.

I test principali da superare sono: una prova preselettiva (se il numero delle candidature la renderà necessaria); una prova motorio-attitudinale; il colloquio; la valutazione dei titoli di merito; l’accertamento dei requisiti di idoneità psico-fisica.

Pubblicato in News
Pagina 8 di 13