Venerdì, 07 Aprile 2017

L'EDITORIALE. LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RIAPRE LE PORTE

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE sta per riaprire le porte alle assunzioni: mancano le ultime compatibilità, in particolare per quanto riguarda le coperture di bilancio, e poi i concorsi cominceranno ad apparire sulla Gazzetta Ufficiale. I posti non sono pochi. Anzi. Secondo calcoli diversi si parla di 78.000-95.000 posizioni. Ad attendere rinforzi sono soprattutto la Sanità e la Scuola ma anche Comuni, Ministeri, Regioni e altri Enti locali hanno bisogno di personale: il sostanziale blocco del turn over (cioè chi va in pensione non può essere rimpiazzato) ha aperto vuoti operativi che hanno inciso sul buon funzionamento di numerosi uffici.

Intorno alla macchina delle istituzioni le polemiche non sono mai mancate: troppo personale, scarso rendimento, responsabilità sempre incerte e indefinite, mancanza di indirizzo strategico, le accuse. Gli episodi dei cartellini timbrati a raffica hanno contribuito a rilanciare le critiche. Ma non c’è dubbio che sia urgente la necessità di una profonda riorganizzazione in grado di correggere le inefficienze accumulate negli anni e impostare un futuro all’altezza di uno Stato moderno e – finalmente – al servizio dei cittadini.

NON TUTTE LE OPPORTUNITÀ saranno nuove davvero, nel senso che in campo c’è chi già fa parte del sistema. Come l’ampio bacino dei precari che deve essere riassorbito e come i vincitori dei concorsi che via via si sono svolti nel tempo e che attendono di essere chiamati.

Però lo spazio per coloro che vogliono cominciare una carriera nella PA sarà comunque rilevante anche perché c’è urgenza di un ricambio generazionale che tolga un po’ di rughe all’apparato pubblico (in questo l’Italia è ai primi posti in Europa). A pagina 18 si possono leggere tutte le informazioni utili.

OLTRE CHE QUELLE DELLO STATO anche le offerte provenienti dalle aziende private meritano attenzione. E, ancora una volta, Roma è ben presente. Ikea, per esempio, sta per inaugurare una sorta di “temporary store” in piazza San Silvestro, e l’hotel Eden di via Ludovisi ha appena riaperto le sue camere extralusso destinate a chi non ha problemi di portafoglio e che è alla ricerca di un soggiornod’eccellenza. Sia Ikea (pagina 12) sia l’Eden (pagina 24) sono alla ricerca di risorse professionali.

POI C’È LA MODA/ABBIGLIAMENTO che, seppure in flessione come giro d’affari complessivo, continua ad averenei grandi marchi un notevole punto di forza. Così Gucci (pagina 22) ha in programma un nuovo stabilimentoproduttivo a Piancastagnaio, in provincia di Siena, e gli spagnoli di Zara (pagina 20) hanno deciso di ampliare la presenza nelle nostre principali città. Nell’un caso come nell’altro la selezione si riferisce a macchiniste, addette al taglio pellami, al confezionamento e al controllo qualità, a commesse, responsabili e vice responsabili di negozio, magazzinieri, cassiere, vetriniste e visualmerchandiser.

INFINE, DA NON PERDERE l’ultimo numero di Turismo Facile che stavolta punta i riflettori su alcune località italiane (Comacchio e Civita di Bagnoregio) e propone un itinerario attraverso la Sardegna. Mete che si possono visitare anche con pochi giorni a disposizione e che consentono di scoprire tesori culturali, storici e paesaggistici di notevole importanza.

Letto 476 volte Ultima modifica il Venerdì, 07 Aprile 2017 16:55