Venerdì, 20 Ottobre 2017

L’EDITORIALE. QUEI 7.903 POSTI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

POCO MENO di 8.000 persone – per l’esattezza 7.903 – stanno per essere assunte dalla pubblica amministrazione. Per 5.590 l’entrata in servizio è prevista entro la fine di quest’anno grazie al fatto che si riprenderanno in mano gli elenchi dei vincitori dei concorsi che si sono succeduti negli ultimi anni.
Per le altre 2.313 figure verranno indetti bandi secondo le nuove regole della riforma della PA che porta la firma del ministro Marianna Madia. Questa fase terminerà entro il 2019 ma non è escluso che il percorso possa concludersi prima, alla luce di situazioni che richiedono una risposta urgente in materia di pianta organica. Per essere più chiari: ci sono uffici sottodimensionati che non ce la fanno più a svolgere i compiti assegnati.

A PAGINA 10 si possono trovare tutte le notizie relative all’iniziativa. Poco più di un mese fa, proprio nello spazio di questa rubrica, “Lavoro Facile” aveva affrontato il problema titolando: “Se il pubblico impiego rispalanca le porte”. Si parlava delle dichiarazioni rilasciate dal sottosegretario alla pubblica amministrazione, Antonio Rughetti, sulla necessità di rivedere alla radice la macchina dello Stato puntando sui giovani e sulla digitalizzazione di interi settori rimasti ai margini della rivoluzione tecnologica. Anche in deroga alla riforma Fornero. Non siamo ancora a questo ma la PA, dopo un lungo letargo, sta mandando segnali di risveglio.

IN QUESTO NUMERO, oltre alla pubblica amministrazione, si prende in considerazione anche ciò che si muove nel privato. Dalla Rinascente di Roma, che ha appena inaugurato il flagship store in via del Tritone e continua ad avere bisogno di personale, a Decathlon, che in vista degli acquisti di fine anno ha cominciato a rafforzare i reparti, ai francesi di Iliad, che nel campo delle telecomunicazioni hanno deciso di farsi largo nel nostro Paese e stanno per lanciare un’ampia campagna di recruitment.

BUONE NOTIZIE per chi è alla ricerca di un lavoro arrivano dalla ristorazione che è uno dei settori che continuano a viaggiare con il vento in poppa. Qui le catene più importanti stanno mettendo in campo notevoli programmi di sviluppo con l’apertura di spazi commerciali e la ristrutturazione di quelli con più anni sulle spalle.
Il risultato è che ci sono centinaia di opportunità (pag. 18) sia per chi ha già una specializzazione sia per chi è alle prime armi e vuole cominciare una carriera in un comparto che può essere un trampolino di lancio per chi ha il pallino di mettersi in proprio.

LEGATE ALLA ristorazione sono le aziende della consegna a domicilio di pranzi e cene. Non più solo pizze ma anche menù di chef famosi: la rivoluzione informatica si è fatta sentire anche da queste parti – con il cellulare si può ormai ordinare di tutto – e la ricaduta sulla occupazione si sta facendo sentire (pag. 26).

IMPORTANTE è il capitolo dedicato al videocurriculum che da noi ha avuto finora poco successo ma che una società, Visiotalent, ha deciso di riproporre aggiornandone i presupposti. Abbiamo sentito il country manager, Andrea Pedrini, che ci ha spiegato perché conviene candidarsi utilizzando questo metodo (pag. 38).
Nei servizi che seguono c’è molto altro: per esempio le chance nel mondo dello spettacolo. Quindi buona lettura e… buon lavoro.

Letto 318 volte Ultima modifica il Venerdì, 20 Ottobre 2017 17:18

Articoli correlati (da tag)